Aprilia Attualità — 25 giugno 2014
Addio alla scuola fantasma inaugurata a via Amburgo

La struttura di 6mila metri quadri al momento ospita 456 alunni ora può essere utilizzata dalla comunità dopo una lunga attesa

Il Dirigente Enrico Raponi si è detto davvero soddisfatto per una scuola da tantissimi anni attesa dall’intera comunità

foto 1

Ci sono voluti ben 13 anni affinché gli studenti potessero ufficialmente entrare nella cosiddetta Scuola Fantasma di Aprilia.

Oltre dieci anni di attese, generazioni di bambini e ragazzi che hanno inutilmente sperato di poter crescere e imparare in un istituto nuovo, funzionante, degno di una città in crescente aumento demografico come Aprilia e che invece hanno potuto frequentare l’intero corso di studi -dall’asilo, alle elementari e medie- uscendo dal percorso prima che la Scuola Fantasma potesse vedere la luce.

Finalmente, lo scorso 14 Maggio, il Dirigente del Primo Istituto Comprensivo di Aprilia, Enrico Raponi, ha potuto inaugurare, alla presenza delle autorità religiose, politiche, militari e civili, la nuova sede di via Amburgo che conta più di 6mila metri quadrati di superficie e ospita, al momento, 456 alunni; le previsioni dei prossimi anni, con l’attivazione di altre classi e sezioni, parlano della possibilità di ospitare oltre 800 alunni.

La nuova sede ospita la scuola dell’infanzia, la scuola primaria e la secondaria di primo grado.

Dure le critiche del centrosinistra in consiglio comunale -nelle persone delle consigliere PD e SEL, Tomassetti e Porcelli- che non ha mandato giù l’inaugurazione «in pompa magna senza aver prima provveduto a realizzare tutte le opere del caso, necessarie alla funzionalità della struttura come, per esempio, la strada di accesso alla scuola che manca del manto stradale asfaltato e che quindi si trasforma in un ammasso di fanghiglia alle prime piogge o le aree di sosta per le auto che al momento mancano del tutto. Inoltre, da non sottovalutare, c’è il problema della sicurezza del plesso scolastico; non si può aprire una scuola senza aver prima ragionato sulla viabilità della zona, sulla messa in sicurezza dei percorsi, sulle aree di sosta e senza aver adeguato la struttura alle più moderne regole antisismiche».

Il Dirigente Enrico Raponi si è detto davvero molto soddisfatto per una scuola da tantissimi anni attesa dall’intera comunità, «una scuola che può servire l’intera cittadinanza, che può diventare il punto di riferimento di tutti quei giovani che desiderano fare sport in un’adeguata struttura sportiva e per tutti i bambini e ragazzi che meritano di trascorrere gli anni dell’apprendimento in una scuola bella, spaziosa e ospitale». Anche il primo cittadino di Aprilia, Antonio Terra, non ha nascosto la soddisfazione di aver portato a termine un’opera decennale così come il presidente del Comitato Scuola Fantasma, Alessandro Marchetti, che ha sempre lottato in prima linea affinché questa struttura fosse strappata ai “fantasmi” per essere completata e consegnata alla città.

(Visited 60 times, 1 visits today)

Articoli correlati

Condividi

Autore dell'articolo

Memi Marzano