slider Sport — 20 Agosto 2020
Attività sportive, paure e speranze estive

Le attività sportive amatoriali all’aperto sono ormai riprese senza alcuna restrizione mentre per quelle agonistiche con pubblico e le attività nelle palestre o nei luoghi chiusi siamo ancora in una fase di riorganizzazione totale. Come già spiegato nei precedenti numeri di Lepini Magazine a scarseggiare sono i protocolli elaborati dal Governo e dal Comitato Tecnico Scientifico finalizzati a minimizzare l’impatto del Coronavirus sulla popolazione e a utilizzare un sistema unificato in caso di notizia di un positivo. L’incognita riguarda anche la gestione degli spazi in quanto il distanziamento sociale prevede forzatamente degli spazi supplementari da utilizzare sia nelle attività scolastiche, sia in quelle sportive. Il costante rialzo della curva dei contagi rappresenta un fattore da non sottovalutare nella maniera più assoluta in quanto ostacolerebbe qualsiasi tipo di ripresa in ambito sportivo oltre che economico. Inoltre l’età media dei contagiati è pericolosamente scesa a 40 anni e questo non potrà che influire anche sulle attività fisiche praticate per la maggior parte proprio dai giovani. L’unico piccolo lato positivo è che nella stragrande maggioranza dei casi i giovani non portano con sè patologie importanti che unite al Coronavirus potrebbero risultare letali ma rimane pur sempre un pericolo da non sottovalutare. Infatti in questo frangente gli sviluppi sono davvero imprevedibili ma come sempre la speranza è che le attività Uisp, come quelle di tutti gli enti e delle Federazioni possano riprendere a pieno regime al più presto senza il maledetto spauracchio del Covd-19. Quindi in attesa dei nuovi protocolli non resta che sperare in un rallentamento post vacanze del virus.

(Visited 1 times, 1 visits today)

Articoli correlati

Condividi

Autore dell'articolo

Fabrizio Agostini
Fabrizio Agostini

Nella mia carriera giornalistica ho collaborato con diverse testate. Ho mosso i primi passi nel gruppo radiofonico Radio Immagine-Radio Latina e li sono rimasto a crescere per un lustro. A seguire ho iniziato collaborazioni con Anteprima Sport, con il Settimanale di Latina, Il Tempo, Mediasport, Il Territorio, SL 48 tv e Sportlatina.it.