Schiavi di Nessuno — 23 agosto 2012

Carmine Parisi, 24 anni di Agropoli, militante della sezione locale del Partito Democratico ha subito un intervento disciplinare da parte del suo partito dopo la denuncia del sacco edilizio del Cilento; nella sua invettiva, naturalmente, non ha risparmiato neanche gli appartenenti ai democratac di tutta la provincia salernitana. Un “guastafeste” per i burocrati di partito, un eroe per i suoi coetanei democratici che lo hanno applaudito a lungo quando ha raccontato la sua storia e le sue battaglie in una tre giorni di dibattiti sulla legalità organizzati dai Gd lombardi a Eupilio (Como). Un “rompicoglioni” non degno di far parte del partito dei ‘grandi’, secondo la commissione disciplinare del Pd che lo ha sospeso per sei mesi e fa ostruzionismo sulla richiesta di rinnovo della tessera. Nella tempesta dell’antipolitica esempi del genere non possono che farci gioire di chi, nonostante viva in una mare di melma, non riesce proprio ad abituarsi alla puzza.

(Visited 39 times, 1 visits today)

Articoli correlati

Condividi

Autore dell'articolo

redazione