Cultura Norma — 15 giugno 2017
Dentro la quotidianità di Norba

“Oltre le mura, oggetti preziosi da lontano e vita quotidiana tra Norba e Norma” è il titolo del ciclo di conferenze che prenderà avvio, a partire dal mese di giugno, presso il Museo archeologico “Padre Saggi” di Norma. Gli eventi, presentati dalla Direzione scientifica del museo civico e dall’assessorato alla cultura del Comune di Norma, sono stati organizzati nell’ambito di “Genti Lepine”, un progetto di valorizzazione del Sistema museale e delle biblioteche dei Monti Lepini, promosso dalla Compagnia dei Lepini e sostenuto dalla Regione Lazio.

Nel periodo compreso tra i mesi di giugno ed ottobre, esperti e studiosi universitari si alterneranno nella Sala nella Muse del museo civico, per descrivere e raccontare al pubblico interessanti reperti archeologici, rinvenuti nel corso dei recenti scavi che hanno interessato l’antica città di Norba. Frammenti preziosi e oggetti di uso quotidiano che narrano nuove storie, aggiungendo inediti dettagli sulla storia di questa antica.

Nel corso di ogni conferenza, i reperti oggetto degli approfondimenti, saranno eccezionalmente visibili al pubblico, che avrà così l’emozionante occasione di osservare da vicino le testimonianze materiali della propria storia.

I primi due dei cinque appuntamenti in programma sono dedicati alla sfera femminile, raccontando aspetti inediti e di vita quotidiana delle donne norbane: le loro attività artigianali quotidiane e inedite possibili influenze culturali esterne legate all’abbigliamento e agli accessori usati. Sabato 10 giugno si partirà con “Donne venute da lontano:monili stranieri tra gli usi locali”. Seguirà, sabato 15 luglio “Storie appese a un filo:utensili per la lavorazione tessile nelle case norbane”. Seguiranno sabato 23 settembre “Olio di casa, vino da fuori:produzioni e importazioni a Norba”; la conferenza di sabato 7 ottobre sarà dedicata alle testimonianze monetali con “Vendere e comprare in città”, mentre sabato 21 ottobre, la giornata conclusiva sarà dedicata al banchetto con approfondimenti su “I Norbani a tavola” e “Preziosi frammenti di un letto fatto per…mangiare”.

La storia antica e l’archeologia saranno il primo capo di un filo conduttore che , attraverso la tradizione culturale e artigianale, ricondurrà alla nostra storia presente, rafforzando la nostra identità storica e culturale lepina.

Infatti le conferenze saranno anche arricchite dall’ esposizione di prodotti artigianali curate da “Archeogioie” e dalla Domus culta di Norma,oltre che dalla degustazione di prodotti tipici locali.

Il museo sarà dunque il luogo di incontro tra gli antichi abitanti di Norba e  i cittadini di Norma, tra la storia antica che continua a raccontare di sé e la storia odierna, tra gli usi di un tempo che tornano in luce e le nostre tradizioni da tenere vive e tramandare. Un progetto che mette in primo piano il museo come luogo della memoria, custode e diffusore dei caratteri della nostra identità.

Così la “sede delle muse”, ispiratrici delle arti, diventa davvero il luogo della memoria e dell’identità storica e culturale di un paese, svolgendo pienamente il suo ruolo e la sua funzione civica.

(Visited 63 times, 1 visits today)

Articoli correlati

Condividi

Autore dell'articolo

Beatrice Cappelletti
Beatrice Cappelletti