Attualità Cisterna — 02 maggio 2018
“Giornate del FAI” a Ninfa e Tres Tabernae, un successo annunciato

Per le Giornate del FAI di Primavera in terra pontina 2018 il bilancio finale è stato molto positivo. Nonostante il bersaglio mancato il giorno sabato 24 marzo, nel giorno seguente, domenica delle Palme, la risposta dei visitatori è stata decisamente ampia, in quanto sono stati registrati circa 400 visitatori nel sito di Norba-Norma, 500 a Tres Tabernae e 2000 a Ninfa. Il clima primaverile ha largamente contribuito stimolando i visitatori – provenienti dalle zone circostanti, da Roma e dall’estero con visite guidate – a dedicarsi ad attività culturali e naturalistiche. I siti coinvolti nel calendario dei FAI sono stati ben otto: di questi due concentrati a Cisterna di Latina (Tres Tabernae e Ninfa) e due a Norma (Antica Norba e Museo archeologico). Sono stati proposti così anche tour straordinari in siti solitamente chiusi al pubblico come Tres Tabernae e Ninfa Medievale, e quest’ultimo anticipando la stagione di apertura al pubblico di una settimana (il Giardino di Ninfa ha aperto al pubblico il 1° aprile). Questi appuntamenti sono stati caratterizzati dalla competente presenza degli apprendisti ciceroni del FAI, studenti preparati ed appassionati delle bellezze del proprio territorio. Gli studenti coinvolti per raccontare ai visitatori il sito di Tres Tabernae sono allievi del Liceo linguistico Ramadù di Cisterna di Latina e del Liceo artistico di Latina; per narrare delle ricchezze del parco archeologico di Norba e del Museo archeologico di Norma sono stati coinvolti gli studenti del Liceo linguistico Meucci di Aprilia e dell’artistico di Latina; per illustrare le bellezze di Ninfa sono stati scelti studenti dell’Istituto Vittorio Veneto-Salvemini e del Liceo classico Alighieri di Latina. Per l’occasione sono stati attivati dei servizi di navette con partenza dalla stazione ferroviaria di Cisterna e hanno aperto le porte anche le aziende vinicole che fanno parte del circuito “Strada del Vino e dell’Olio” per offrire degustazioni delle proprie produzioni. Il presidente del FAI Delegazione Gaeta Latina, Rita Carollo e il suo vice Gilda Iadicicco hanno commentato così: “Siamo molto soddisfatti sia per la grande affluenza di visitatori che per la grande collaborazione avuta da parte della Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio per le Province di Frosinone, Latina e Rieti, della Fondazione Roffredo Caetani, dei Comune di Cisterna e di Norma, della protezione civile, degli istituti scolastici e di tanti altri”. Anche il Soprintendente Saverio Urciolo ha esternato la sua gratificazione: “È stato un risultato molto importante sia per la dimostrazione di grande interesse verso questi siti ma anche per l’intesa istituzionale che si è realizzata tra Soprintendenza, FAI e Comuni per la valorizzazione di aree solitamente non fruibili. Di questo ne siamo lieti e l’impegno della Soprintendenza è di rendere più frequenti le loro aperture al pubblico garantendo condizioni di maggiore sicurezza, già a partire dal prossimo anno”. Degli ottimi propositi per diffondere una conoscenza sempre più ampia del patrimonio storico-artistico-archeologico racchiuso nel territorio pontino.

(Visited 2 times, 1 visits today)

Articoli correlati

Condividi

Autore dell'articolo

Federica Villanova
Federica Villanova