Attualità Cisterna — 24 luglio 2017
I reperti di Tres Tabernae presto pronti a Palazzo Caetani

A fine aprile si tenne il secondo Open Day per la visita del sito archeologico di Tres Tabernae – antica stazione di posta d’età romana – in cui il sindaco di Cisterna di Latina Eleonora Della Penna, la rappresentante della Soprintendenza Archeologica Nicoletta Cassieri, l’assessore  Claudio Chinatti, il delegato alla Cultura e Turismo Pier Luigi Di Cori e il comandante della Brigata di Finanza di Cisterna Giuseppe Santillo accolsero un visitatore illustre, il Vescovo di Latina Mariano Crociata. Egli spiegò: “Su Tres Tabernae c’è un riferimento preciso nel testo degli Atti degli Apostoli a proposito del passaggio di San Paolo. Per la nostra Chiesa il riferimento conferisce a questo territorio un prestigio particolare, una capacità di evocazione e richiamo che suscita un interesse di conoscenza religiosa, storico e culturale. E’ stato quindi suggestivo poter visionare il lavoro finora svolto e tutto questo invita ad un ulteriore sviluppo sia di ricerca scientifica ma anche di approfondimento sulle radici della nostra fede. Sono grato per l’opportunità che mi è stata offerta e spero di trarne profitto per il futuro della nostra diocesi e dei nostri credenti”. La dottoressa Cassieri disse: “Tres Tabernae ha ancora molto da offrire. Spero che quanto prima i resti ritrovati possano essere fruiti in modo organico sia sull’area archeologica che in un museo. Tres Tabernae è un sito interessantissimo e per questo inserito nell’Art Bonus del Mibact al fine di reperire  devoluzioni liberali che di contro potranno usufruire di agevolazioni fiscali. Dunque essere generosi con Tres Taberne è anche essere generosi con se stessi”. Il sindaco commentò così:“Con questo secondo grande afflusso di visitatori Cisterna consolida il suo ruolo centrale su alcune dinamiche di attrazione storico, culturale e turistiche. Siamo la porta di accesso, anche grazie alla stazione ferroviaria, di un territorio ricco di proposte che si apre con il magnifico Giardino di Ninfa e prosegue lungo tutto il resto della provincia. Tres Tabernae è certamente una grande opportunità e l’impegno di tutti deve essere quello di valorizzarlo e renderlo fruibile non solo ai cisternesi ma a tutto il mondo”. Ciò annunciava già la nuova risoluzione: il Consiglio comunale ha approvato con voto unanime la variazione di bilancio in entrata nella prima fase dei finanziamenti erogati dalla Provincia destinati a preparare la mostra permanente dei ritrovamenti archeologici di Tres Tabernae nel Palazzo Caetani. L’importo iniziale di 10 mila euro disporrà gli ambienti a dimora stabile degli antichi mosaici e reperti riemersi dal sito nel corso delle campagne di scavo eseguite negli anni ’90 e in una in corso dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici. L’Amministrazione comunale ha spiegato che si tratta di “Un primo importante passo”. Tutti gli sforzi congiunti verso Tres Tabernae stanno portando a compimento la tanto desiderata valorizzazione del sito e dei suoi reperti, ponte tra il passato e un futuro di maggiore comprensione e accuratezza culturale tra i luoghi storici del territorio.

(Visited 10 times, 1 visits today)

Articoli correlati

Condividi

Autore dell'articolo

Federica Villanova
Federica Villanova