Cultura Norma — 25 Giugno 2020
Il museo di Norma si racconta con i flash

Continuano anche nel mese di giugno gli appuntamenti on line del Museo civico archeologico “Padre Saggi” per conoscere e approfondire le “Espressioni dell’arte a Norba e Norma”. E’ questo infatti il titolo dell’iniziativa presentata dall’assessore alla cultura di Norma Elisa Ricci, insieme alla direttrice del museo Stefania Quilici Gigli, nell’ambito del progetto “Civiltà Lepine. Storie e narrazioni per un’identità del territorio” promosso dalla Compagnia dei Lepini nel Sistema Territoriale dei Monti Lepini.

L’emergenza sanitaria in corso ha obbligato tutti a delle forti restrizioni, stop e cambi di programma. Musei e parchi archeologici sono stati chiusi e man mano stanno riaprendo le loro porte, come lo stesso museo di Norma che proprio in questi giorni è tornato ad accogliere i suoi visitatori, con i dovuti accorgimenti. La divulgazione culturale però non si è fermata in queste settimane, rimodulando progetti e iniziative per promuovere la conoscenza e divulgare la bellezza anche a distanza. Così il ciclo di incontri, che anche quest’anno era in programma al Museo di Norma, è stato sostituito da una serie di video tematici trasmessi e divulgatiogni sabato dalla pagina Facebook Amici dell’Antica Norba, dal sito e pagina della Compagnia dei Lepini e del Comune di Norma.Le voci di tanti autorevoli studiosi descrivono con immediatezza e attraverso suggestive immagini, elementi archeologici, caratteri peculiari del museo e del parco archeologico di Norba,svelando idettagli e la ricchezza di questo straordinario luogo, ma anche l’importanza dell’archeologia per ricostruirne la storia, che ha ancora molto da raccontare. Attraverso i flash, sempre visibili on line, delle professoresse e archeologhe Margherita Bedello, Giovanna Cera e Giuseppina Sartorio è possibile conoscere le credenze e gli oggetti votivi degli abitanti di Norba, i prodotti e le vie commerciali suggerite dalle anfore rinvenute, gli oggetti e le fattezze di una cucina di epoca repubblicanala cui ricostruzione è conservata al museo. Il successo e il grande interesse del pubblico per l’iniziativa è dimostrato dalle numerose visualizzazioni e interazioni delle pagine dedicate. Per il mese di giugno sono in programma altri interessanti appuntamenti da non perdere: il giorno 6 Lucia Di Noto descrive“Il Museo guida allo scavo”, il 13 Pier Andrea De Rosa parlerà degli“Artisti a Norba” che nel corso dell’Ottocento hanno immortalato i suoi imponenti resti nelle loro opere, il 20 invece sarà la volta di Margherita Di Niola, che farà luce sugli aspetti di vita quotidiana dell’antica città descrivendo“Una taberna di Norba” rinvenuta nel corso degli ultimi scavi e infine Marco Vitelli e Massimo D’Alessandro, speleologi dell’associazione ASSO, ci condurranno in una “Visita alle cisterne sotterranee di Norba”. Tanti temi, tanti punti di vista per scoprire la ricchezzadi un gioiello del nostro territorio, che abbiamo la fortuna di ammirare ed il dovere di custodire. Conoscerlo è lo strumento per poterlo fare in modo più consapevole.

(Visited 1 times, 1 visits today)

Articoli correlati

Condividi

Autore dell'articolo

Beatrice Cappelletti
Beatrice Cappelletti