Alimentazione&Salute — 21 settembre 2018
La dieta in vacanza, guida per gestire lo svago

Agosto è il mese dedicato alle ferie e tra i piaceri della vacanza c’è anche la scoperta delle specialità culinarie del territorio visitato. Tuttavia, se state seguendo un percorso nutrizionale finalizzato alla perdita di peso, dovete considerare che la vacanza è sì uno stacco dalla routine, ma non deve essere vissuta come un periodo in cui si dà libero sfogo a tutte le privazioni. Se vi trovate a pensare: “al diavolo la dieta, mi concederò tutto quello a cui ho rinunciato finora!” probabilmente c’è qualcosa che non va nel modo in cui vi approcciate al termine “dieta”. Se il vostro dietista ha dedicato del tempo all’educazione alimentare, saprete bene che “dieta” non vuol dire punizione o restrizione. Fare un percorso dietetico significa cambiare nel tempo le proprie abitudini in modo sano, consapevole e sostenibile. Quindi se vivete la “dieta” in modo sbagliato, il rischio di perdere il controllo è dietro l’angolo!

Questa piccola guida vi permetterà di godere delle vacanze in modo sereno, gestendo in maniera equilibrata gli inevitabili sgarri.

  • REGOLA 80-20: Significa che l’80% della vostra giornata dovrà rispettare le regole di una corretta alimentazione. Il restante 20% sarà dedicato agli extra. Come fare? Semplicemente rispettando le basi su cui si fonda la vostra dieta, adeguandole alla situazione in cui vi trovate.
  • ADEGUATE LA DIETA ALLA SITUAZIONE: può sembrare complicato ma non lo è se avete a mente ciò che il vostro dietista vi sta insegnando. Riflettete sull’impostazione del vostro piatto-tipo e cercate di replicarlo mettendo assieme i macronutrienti (carboidrati, proteine e grassi).
  • PORZIONI: la vacanza può essere l’occasione per allenare il vostro occhio a capire cos’è una “porzione ragionevole”. Questa prova vi aiuterà anche a non restare imbrigliati in uno schema predeterminato.
  • CONDIMENTI: se non sarete voi a cucinare, un modo per limitarli sarà quello di scegliere piatti semplici senza salse e chiedere delle verdure da condire a parte.
  • PROTEINE: sono indispensabili per i processi metabolici e per limitare la perdita di massa magra che inevitabilmente avviene nel dimagrimento. Inoltre esse svolgono un ruolo importante nella modulazione dell’appetito. Se siete in hotels frequentati da stranieri non avrete difficoltà a trovare nel buffet della colazione uova, prosciutto, formaggio. Provate per qualche giorno a fare una colazione più proteica e diversa dal solito. Vi sentirete più energici e arriverete a pranzo con meno fame.
  • SPUNTINI: mettete in valigia bustine di frutta secca o acquistatele sul posto. Potrete utilizzarla come spezza-fame o potrete usarla a colazione assieme a uno yogurt al posto delle solite brioches servite nel buffet.
  • VERDURE: solitamente in vacanza l’apporto di fibre cala vertiginosamente, un po’ perché si tende a mettere da parte le verdure, un po’ perché le porzioni servite nei ristoranti sono spesso ridicole. Voi sapete bene, però, che alla base di una corretta alimentazione ci sono i vegetali, quindi cercate di non farveli mancare mai: prendete dal buffet una cruditè di verdure per aprire il pasto e ordinate sempre delle verdure quando siete fuori.
  • DOLCI E ALCOL: rientriamo nel 20% degli extra. Ricordate però di non assumere mai alcol e dolci a stomaco vuoto, ma inseriteli sempre in un pasto dove sono presenti proteine e soprattutto fibre. Da evitare i superalcolici!
  • CIBO LOCALE: restando sempre in “zona 20%” vi consiglio di dedicare qualche sgarro all’assaggio dei prodotti della tradizione, magari andando alla ricerca di aziende in cui potrete ottenere informazioni sui processi produttivi, le metodologie di allevamento o le tecniche artigianali. In questo modo la vacanza assumerà anche una valenza didattica.
  • MOVIMENTO: per ricaricare le pile è necessario staccare la spina dalla routine e quindi anche dal solito allenamento. Niente palestre o esercizi estenuanti in spiaggia nel tentativo di “smaltire” qualche sgarro in più. Questo non significa stare tutto il giorno a poltrire sulla sdraio. Il movimento è importantissimo anche in vacanza, ma praticate qualcosa di diverso: provate qualche sport nuovo o dedicatevi ad attività aerobiche all’aria aperta.

Godetevi quindi le vostre ferie con serenità cercando di lasciarvi alle spalle le preoccupazioni del lavoro e della vita quotidiana e non fatevi troppi problemi se generalmente seguite uno stile di vita corretto. Seguire queste poche regole vi aiuterà certamente a gestire al meglio la vacanza senza inutili sensi di colpa.

Buona estate!

 

(Visited 2 times, 1 visits today)

Articoli correlati

Condividi

Autore dell'articolo

Laura Guarnacci
Laura Guarnacci

Dietista