Attualità Latina slider — 30 Ottobre 2020
La pace e i bambini per strada

Ha suscitato curiosità, e in certi casi anche ilarità, la decisione del sindaco Damiano Coletta di istituire a Latina un assessorato alla Pace. Forse il primo cittadino ha enfatizzato troppo l’iniziativa, forse è stato percepito come accentratore – in antitesi col tema – poiché ha posto l’assessorato in capo a sé stesso. Ma di certo non ha avuto un’idea originale, anzi. L’assessorato – o meglio, una delega specifica – alla Pace esiste in numerosi Comuni italiani. E non bisogna nemmeno andare così lontano per trovarne uno: nella confinante Aprilia, pur sempre la quarta città del Lazio, la delega è stata attribuita un paio d’anni fa ad Elvis Martino, già titolare di Istruzione, Cultura e Politiche giovanili. Promuovere e diffondere politiche di Pace vuol dire tutelare i diritti, favorire la solidarietà sociale, incentivare i percorsi di integrazione e di rispetto delle diversità. Tutti aspetti che non riguardano i conflitti geopolitici internazionali – non solo, almeno – ma che costituiscono il fondamento della convivenza civile, del senso di comunità che dovrebbe nascere a partire dal più piccolo nucleo amministrato, ossia la città. I sondaggi spesso confermano che i Comuni sono percepiti come l’istituzione più vicina ai cittadini: gli ottomila municipi italiani devono sicuramente garantire che il trasporto pubblico sia frequente e garantito, che le strade non siano piene di buche, che i lampioni risultino integri e funzionanti. Ma dovrebbero anche fare in modo che le persone che salgono su quegli autobus, transitano su quelle strade e camminano alla luce di quei lampioni sappiano rispettarsi reciprocamente, si sostengano a vicenda, possano esercitare i propri diritti di cittadinanza. E allora ben venga una delega alla Pace (e soprattutto alla solidarietà sociale), così come si diffondano i cartelli come quello che, all’ingresso di Prossedi, invita a rallentare perché “i bambini giocano ancora per strada”. E scommettiamo che, quando giocano, i bambini sono la rappresentazione plastica dello spirito di Pace. Loro sì sono una comunità.

(Visited 1 times, 1 visits today)

Articoli correlati

Condividi

Autore dell'articolo

Andrea Giansanti
Andrea Giansanti