Cultura Sezze slider — 01 giugno 2017
La Passione di Cristo setina arriva a Lourdes

Sezze è anche conosciuta come “Città della Passione” grazie alla Sacra Rappresentazione della Passione di Cristo che ogni anno si tiene nel giorno del Venerdì Santo, frutto dell’impegno dei cittadini che partecipano come attori e figuranti e dei membri dell’Associazione della Passione di Cristo che ne curano l’organizzazione sia in vista dell’evento che durante l’intero anno.

Al fine di far conoscere questa importante tradizione anche al di fuori delle mura di Sezze, più volte sono state organizzate delle “trasferte” in alcuni dei più importanti luoghi di culto della cristianità.

Dopo Roma, nel Giubileo del 1950 e del 2000 e lungo la Via della Conciliazione nel 2010, ricordiamo Assisi nel 2011, Latina nel 2012, San Giovanni Rotondo nel 2013, l’Abbazia di Montecassino nel 2014 e per finire, lo scorso anno, sempre a Roma davanti alle reliquie di San Carlo a San Francesco a Ripa in occasione del Giubileo della Misericordia.

Quest’anno per la seconda volta, dopo il Giubileo di Santiago di Compostela nel marzo 2010, la Sacra Rappresentazione di Sezze è stata portata all’estero: lo scorso 25 aprile una folta delegazione di cittadini di Sezze ha proposto i Quadri del Vecchio e Nuovo Testamento nello spazio davanti il complesso del Santuario e la relativa Basilica dedicata a Nostra Signora di Lourdes, uno dei più importanti santuari cristiani del mondo, meta ogni anno di decine di milioni di pellegrini.

Lourdes, comune francese situato nel dipartimento degli Alti Pirenei, nella regione dell’Occitania, assunse grande notorietà, in Francia e all’estero, a seguito delle apparizioni mariane in una grotta poco distante dal piccolo sobborgo di Massabielle di cui sarebbe stata spettatrice, tra l’11 febbraio e il 16 luglio 1858, la giovane contadina Bernadette Soubirous, poi canonizzata. Dal 1864, in ricordo di quelle apparizioni, nella grotta è stata posta una statua della Madonna vestita di bianco con una cintura blu ed una rosa gialla sui piedi.

L’evento del 25 aprile, patrocinato dalla Regione Lazio, è stato realizzato dall’Associazione della Passione di Cristo di Sezze in collaborazione con il Comune di Sezze, l’Unitalsi e il Santuario di Lourdes.

L’esperienza di Lourdes è stata molto sentita sia dalle persone che, dopo aver affrontato un viaggio di due giorni in autobus, hanno sfilato e recitato in costume nonostante il freddo ed una pioggia incessante, che dai cittadini di Sezze che hanno seguito l’evento in Eurovisione e in streaming.

Grazie all’impegno dell’Associazione della Passione di Cristo, ancora una volta Sezze è stata protagonista di un evento unico che resterà impresso nella memoria di molti.

(Visited 12 times, 1 visits today)

Articoli correlati

Condividi

Autore dell'articolo

Daniela De Angelis