Attualità Priverno — 22 gennaio 2014
“La Rosa dei Venti”, bussola al femminile

A Priverno è nata un’associazione determinata a promuovere la partecipazione civile delle donne 

A partire dai prossimi giorni ci saranno iniziative culturali volte a valorizzare la cultura di genere e a rinsaldare i legami tra generazioni

convegno_23

Prende un nome che è toponimo geografico ma contemporaneamente omaggia la capacità delle donne do orientarsi ed orientare l’associazione “La Rosa Dei Venti: Orientamento Donna” da poco costituitasi a Priverno per rispondere al bisogno diffuso di promuovere, anche a partire dalla società civile, le istanze sociali, culturali e politiche delle donne del nostro paese. Dopo decenni di politiche di pari opportunità portate avanti prevalentemente per via istituzionale, la nuova associazione pone nuovamente al centro la partecipazione diretta delle donne al dibattito sociale, al di fuori di logiche partitiche e in forma trasversale rispetto ad altre realtà associative femminili presenti sul nostro territorio. La nuova associazione, del resto, vede la nascita in un momento in cui la società italiana si caratterizza per le continue e doverose polemiche in merito all’immagine delle donne offerta dai media e dalla politica ed è percorsa da fermenti culturali che vedono donne, diverse per età ed estrazione sociale e culturale, tornare a occupare le piazze reali e virtuali per denunciare le discriminazioni e le disparità fondate sul genere che ancora connotano fortemente il nostro paese.
“Ben lontana dall’essere un’isola felice in cui si possa considerare risolta o assente ogni forma di diseguaglianza tra uomini e donne – in termini sociali, economici, di diritti riconosciuti e di tutele  applicate, di reali opportunità di carriera, di significatività della rappresentanza politica – la nostra società ha più che mai bisogno in questo momento di tornare a parlare pubblicamente di rispetto e di valorizzazione delle differenze di genere, di problemi “reali” delle “donne reali”, di rilevanza sociale della storia, della cultura, dell’esperienza femminile in una prospettiva di equilibrata crescita collettiva”. Con queste parole è direttamente il presidente della “Rosa Dei Venti”, Rosella Tacconi, a spiegare le motivazioni dalle quali prende avvio questa nuova fase di crescita culturale “L’azione istituzionale- continua il presidente- non appare, infatti, sufficiente ad alleviare il senso di isolamento e di solitudine sociale di moltissime donne in un periodo sicuramente difficile come l’attuale in cui la crisi economica precarizza le esistenze di tutte e in termini di costume assistiamo al ritorno di modalità di relazioni tra i sessi che ci eravamo illuse di avere lasciato definitivamente alle nostre spalle. Così tante altre donne sparse per la penisola, oltre a noi, sentono oggi l’urgenza di nuove forme di partecipazione alla vita sociale, di spazi autonomi di elaborazione di pensieri e di linguaggi “differenti”, dove la differenza torni, per l’appunto, a essere un valore e un arricchimento per tutti”. Proprio per rispondere, anche a Priverno, al bisogno femminile di “prendere parola” senza mediazioni di sorta, è nata La Rosa Dei Venti: Orientamento Donne “”, che a partire dai prossimi giorni, si farà promotrice di iniziative culturali volte a valorizzare la cultura di genere e a rinsaldare i legami tra generazioni di donne, consapevoli dei modelli troppo spesso retrivi e discriminatori che vengono con insistenza proposti alle e ai più giovani. Il primo appuntamento si è svolto sabato 21dicembre alle ore 16.00 presso i locali della sede siti in Via Montanino ed è stato funzionale a diffondere alle donne di Priverno la “Rosa” di iniziative in cantiere. Prima fra tutte l’alfabetizzazione culturale per stranieri valevole ad acquisire il permesso di soggiorno e il corso per lo sviluppo dell’area destra del cervello dal titolo PERCEZIONI VISIVE E CREATIVE “

” Imparare a elaborare le informazioni visive   attraverso esercizi che stimolano la funzione destra della mente”.

(Visited 79 times, 1 visits today)

Articoli correlati

Condividi

Autore dell'articolo

redazione