Lepini slider Speciali — 06 dicembre 2017
Lo sviluppo sistemico della Compagnia dei Lepini

La Compagnia dei Lepini prova a rilanciare i suoi progetti, tanti e per la maggior parte realmente intreressanti. L’unica incognita sul cammino dell’associazione sono alcuni comuni riottosi a seguire la strada tracciata dal presidente Quirino Briganti. Dal canto suo il numero uno della Compagnia dei Lepini continua a gettare acqua sul fuoco sulle defezioni di alcuni comuni importanti come Sermoneta e Sezze. Tornando ai progetti l’ente tira dritto forte di un cambio di marcia  relativo agli strumenti sulla fruizione turistica. La prima è “Genti Lepine”, un percorso di costruzione di identità lepina sviluppato in 50 inizitive su storia e territorio. Un’idea non certo nuova ma che forse avrà nei prossimi mesi un’accelerata. Una novità sicuramente più gustosa riguarda l’arte ovvero la costituzione di un Catalogo di Arte nei Monti Lepini, un vero e proprio censimento delle opere d’arte sparse sul territorio. Obiettivo ambizioso ma interessante e di sicuro successo. Sul fronte ambientale, invece, la Compagnia presenterà due atlanti: l’Atlante della Flora dei Monti Lepini e l’Atlante della Fauna dei Monti Lepini con il primo già in stato più avanzato grazie anche all’annuale Conferenza sulla Biodiversità come perno per lo sviluppo di questo progetto importante anche alla luce dei recenti incendi che hanno coinvolto i Lepini e come questo può influire sullo sviluppo di flora e fauna. Fiore all’occhiello del piano generale di sviluppo sarà la Guida Turistica dei Monti Lepini, quale strumento principe da fornire ai turisti provenienti nella zona di Roma e attirarli nell’area lepina con le sue eccellenze. Spazio anche a chi ama camminare perchè verrà ufficializzata anche una Mappa del Trekking di Monti Lepini con 20 percorsi e centinaia di chilometri a disposizione degli amanti della natura e appunto delle camminate all’aria aperta. Percorsi storici e naturalistici di cui la nostra area collinare dicerto non difetta. Da portare a compimenti ci sarà sicuramente il S.I.T. ovvero il Sistema Informatico Territoriale, in collaborazione con l’Università degli studi di Roma “La Sapienza”. Un sistema di informazioni che riguardano il territorio che sappia fornire dettagli e luoghi di interesse a chi naviga collegato allo sviluppo di un Catalogo Digitale e una App del Sistema delle Biblioteche dei Monti Lepini. Tutte sfaccettature dello stesso progetto di avanzamento tecnologico e di informatizzazione indispensabile nell’era dei social network e dei giovani sempre connessi. Proprio questo segmento, ovvero i giovani, sono un nuovo target che la Compagnia dei Lepini intende intercettare con lo sviluppo di queste offerte turistiche. In particolare il presidente Briganti si è detto orgoglioso del Sistema di Biblioteche visto che si può contare su un milione e mezzo di libri disponibili. Un lavoro enorme di digitalizzazione che rimane come un mattone importante nel sistema integrato. «Si tratta di una battaglia culturale – ha spiegato il presidente Quirino Briganti – per far strada ad un sistema di sviluppo sistemico del territorio. La Compagnia del Lepini percorre la sua strada con chi è disponibile a seguire il progetto».

(Visited 1 times, 1 visits today)

Articoli correlati

Condividi

Autore dell'articolo

Fabrizio Agostini
Fabrizio Agostini

Nella mia carriera giornalistica ho collaborato con diverse testate. Ho mosso i primi passi nel gruppo radiofonico Radio Immagine-Radio Latina e li sono rimasto a crescere per un lustro. A seguire ho iniziato collaborazioni con Anteprima Sport, con il Settimanale di Latina, Il Tempo, Mediasport, Il Territorio, SL 48 tv e Sportlatina.it.