Attualità Sezze slider — 17 Febbraio 2021
Nuova toponomastica in arrivo a Sezze

Numeri civici messi lì quasi a casaccio, spesso addirittura assenti per lunghissimi tratti di strada, traverse addirittura senza nome, oggettivi problemi con la consegna della posta, con alcune bollette che, quando arrivano, spesso sono già scadute, difficoltà per le forze dell’Ordine di notificare documenti alle persone interessate, con la conseguenza che in diverse occasioni sembra diventare una vera e propria caccia al tesoro. Dei problemi della toponomastica a Sezze si parla ormai da decenni, con un territorio che è cresciuto esponenzialmente, case che sono state costruite ma senza pensare ad un piano di numerazione civica efficace e oggettivamente utile anche alle cose di tutti i giorni. Questa situazione, però, potrebbe mutare grazie all’ottenimento di un finanziamento di 80mila euro dalla Regione Lazio. L’ente aveva presentato una istanza alla Regione per l’ottenimento di un finanziamento per la realizzazione della toponomastica nel territorio; gli uffici comunali, dal canto loro, si erano occupati di predisporre un progetto in cui veniva dettagliatamente descritto l’intervento ed i relativi costi per la realizzazione; di recenti, lo scorso 22 dicembre, la stessa Regione ha assolto la richiesta dell’ente, assegnando il finanziamento di 80mila euro. Per questo motivo, anche in vista delle tranche dell’erogazione e della rendicontazione finale, nei giorni scorsi la giunta presieduta da Sergio Di Raimo ha reso esecutivo il progetto e dato mandato alla Polizia Locale e ai servizi tecnici, ognuno per le proprie competenze, di procedere alla redazione degli atti consecutivi, trasmettendo i medesimi documenti alla stessa Pisana. Nella relazione del progetto si legge come l’apposita commissione abbia elaborato la proposta partendo dall’analisi delle principali strade di collegamento che attraversano il territorio sia in senso longitudinale che in senso trasversale, che hanno lunghezze ragguardevoli, senza tener conto delle numerose diramazioni ad esse collegate che hanno la stessa denominazione della strada principale. Le strade prese in considerazione saranno quelle della zona di campagna, da via Murillo alla Migliara 47 (circa 10 chilometri), via Bassiano in zona Suso (5,5 Km), via Roccagorga (6 chilometri). Oltre alle strade principali di collegamento con alcuni Comuni limitrofi, è stata esaminata la situazione di alcuni quartieri cresciuti velocemente in questo ultimo decennio lungo le strade, tra i quali spiccano località Colli con circa 1000 abitanti, località Melogrosso con una lunghezza di circa 4,5 Km, località Foresta con circa 800 abitanti e le località Casali, Quarto la Macchia, Crocevecchia e Fontanelle, zone diverse in un unico grande quartiere con circa 3.000 abitanti. Nello specifico e a seconda dei casi, verranno utilizzate diverse forme di targhe, la maggior parte delle quali in alluminio, per indicare le strade, mentre per alcune zone si utilizzerà marmo di travertino. Per i numeri civici, invece, o alluminio rivestito o ceramica smaltata.

(Visited 1 times, 1 visits today)

Articoli correlati

Condividi

Autore dell'articolo

Avatar
Simone Di Giulio