Attualità Cisterna slider — 19 Agosto 2020
Qualificazione urbana, si parte dai negozi

A Cisterna di Latina, nel corso dell’ultima seduta di consiglio comunale, è stato studiato e approvato un nuovo piano di arredo esterno urbano delle attività commerciali, volto a garantire maggiore valorizzazione degli spazi cittadini. Questo intervento, frutto di un lungo lavoro di discussione in commissione consiliare, permetterà di incrementare il volume della superficie di esercizio e dei servizi annessi, pur aderendo con precisione al regolamento sulla gestione di tali spazi nel rispetto del decoro urbano. Il presidente della Commissione commercio, Mario Contarino, ha dettagliatamente spiegato: “Il Piano ha come finalità l’incremento della qualità degli spazi pubblici, il miglioramento della vivibilità, la capacità di attrazione del centro urbano, il mantenimento e l’incremento delle attività commerciali con effetti positivi sull’uso collettivo degli spazi pubblici. Si tratta di uno strumento normativo che ci viene chiesto soprattutto dalle attività, che hanno necessità di ampliare il servizio alla clientela e di lavorare con la superficie esterna, con l’intento di aiutare le attività a dare un servizio migliore, aumentando di conseguenza l’economia locale”.
Contarino ha così proseguito: “Gli obiettivi che ci prefiggiamo sono diversi: valorizzare le vie, le piazze, i quartieri centrali ma anche quelli periferici, nonché puntare sul rilancio del centro storico, al fine di migliorare la qualità, favorendo l’installazione di manufatti di arredo; tutelare i singoli elementi di rilevanza storico-architettonico della città, con particolare riguardo alle forme dello spazio pubblico, alle prospettive, alle facciate degli edifici e agli elementi di valore storico-architettonico; evitare intralcio al passaggio dei pedoni soprattutto quelli diversamente abili nonché favorire la progressiva eliminazione delle barriere architettoniche. Quindi questo piano è rivolto a tutte le attività, comprese quelle annesse a intrattenimenti culturali, musicali oppure di produzione di generi alimentari, svolti da esercizi pubblici o attività artigianali del settore alimentare che utilizzano in via temporanea l’area pubblica antistante, attrezzata con gazebo, pedane, tavoli e sedie. Al tempo stesso, se da un lato offre l’opportunità di ampliamento degli spazi, dall’altro regolamenta l’installazione di manufatti , come gazebo ed altro, e degli arredi urbani ai fini della tutela del decoro dello spazio pubblico e dell’unitarietà degli interventi.” Si tratta quindi di un vero e proprio piano urbanistico integrato che renderà la città più vivibile, favorirà il commercio sotto il segno della tutela e della legalità e valorizzerà nel modo più consono gli spazi e l’uso specifico a cui essi saranno destinati.

(Visited 1 times, 1 visits today)

Articoli correlati

Condividi

Autore dell'articolo

Federica Villanova
Federica Villanova