Spettacoli — 20 dicembre 2013

Fino al 9 marzo presso il Teatro Comunale di Cori sarà possibile vivere una stagione a base di risate e riflessioni

Questa nuova avventura va salutata con un entusiasmo conscio delle difficoltà che ogni anno devono essere affrontate

Tonino Cicinelli1

«La cultura è un bene comune primario come l’acqua; i teatri, le biblioteche, i cinema sono come tanti acquedotti». Prendiamo in prestito questa definizione data dal direttore d’orchestra Claudio Abbado per introdurre la 18esima edizione della rassegna teatrale “Buonumore a Teatro”, che anche quest’anno si svolgerà presso il Teatro Comunale di Cori. Lo spirito che si nasconde dietro la Stagione proposta dall’Associazione Culturale “Il Corvo” presieduta da Tonino Cicinelli, anche presidente della Fita provinciale, bene interpreta l’esternazione di Abbado. Il teatro è indispensabile, come l’acqua. E’ bevanda per la mente. Dunque questa nuova avventura va salutata con un entusiasmo conscio delle difficoltà che ogni anno devono essere affrontate per assicurare al pubblico “l’acqua” con cui dissetare la sete di cultura. Il cartellone, che ha debuttato lo scorso 24 novembre con la Compagnia “Arte povera “ di Lavinio che ha regalato due ore di sano divertimento con il testo di De Filippo “La Fortuna con la Effe maiuscola”, prevede in tutto sei spettacoli che ci accompagneranno fino al mese di marzo. La Stagione è organizzata anche con il patrocinio ed il contributo del Comune di Cori, infatti l’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Cori offre l’intera stagione teatrale ai soci dei Centri Anziani di Cori e Giulianello. Il prossimo spettacolo in programma è per domenica 15 dicembre e vedrà sul pacoscenico gli attori de “Il cassetto nel sogno “ di Pomezia, che reciteranno “Provaci ancora Sam” di Woody Allen., coordinati dall’ottimo Massimo Pettinari. Si riprende poi a gennaio, e precisamente domenica 19, con la Compagnia teatrale di Nola “Quelli che…il teatro” che presenterà la divertente commedia “Il promesso sposo” di Franco Pinelli. Il mese di febbraio si apre con “47 morto che parla” di Ettore Petrolini, interpretata da i “Servitori dell’Arte” di Ladispoli domenica 2 febbraio. Quindici giorni d’attesa e poi si torna di nuovo al Comunale. Domenica 16 febbraio, infatti, la Compagnia di Roma “Scacciapensieri”, che ha avuto modo di farsi applaudire già dal pubblico di Cori in altere occasioni, presenterà “La strana coppia” di Neil Simon, altra commedia conosciutissima ed apprezzata ovunque. Chiude, come da tradizione, la nuova nata in casa Cicinelli. Domenica 9 marzo “Gli Amici del Teatro di Cori” avranno, come sempre, il compito di concludere la stagione teatrale con un nuovo testo scritto e diretto dall’infaticabile Tonino Cicinelli, dal titolo “L’eredità fa brutti scherzi”, uno spaccato di vita quotidiana che, tra risate e battute spassose, farà riflettere sulle vicende umane. Gli spettacoli si tengono sempre di domenica alle 17 ed il costo, rimasto invariato, è di 7 euro. Oltre al botteghino, si possono prenotare i biglietti presso la Cisl di Piazza Signina, il bar Deca e la Tabaccheria Maciucca. Per ulteriori informazioni: 06 9679808 3475987660.

 

(Visited 111 times, 1 visits today)

Articoli correlati

Condividi

Autore dell'articolo

Silvia Frisina
Silvia Frisina