Attualità Cori — 29 ottobre 2013
Vandalismo e telecamere: quali soluzioni adottare

Un poderoso sistema di videosorveglianza sarebbe la soluzione ideale all’inciviltà della gente che distrugge il bene pubblico?

Sareste d’accordo a vivere in un “grande fratello orwelliano” perenne? Il problema riguarda l’intera penisola e non solo una parte

1369080_10202298038958244_952400353_n

Qualche tempo fa, su un men sile locale del Comune di Cori, «L’Acropoli», scrissi un articolo ove sostenevo che il “vandalismo è un cancro della nostra ci viltà, un male figlio di una ridottissima mino ranza” (per chi inten desse approfondire: http://issuu.com/ilgrido/docs/acropoli_lu glio ). Infatti, basta una sola persona per distruggere il risultato di un lavoro collettivo. Giulianello e Cori sono due paesi che non sono esenti da questo problema: negli ultimi anni la popolazione locale ha assistito a muri imbrattati da scritte razziste nei confronti degli immigrati, a panchine di strutte, cestini dell’immondizia danneggiati etc. C’è ora da chiedersi: come risolvere questo problema? In molti so stengono che la risposta migliore sia introdurre la videosor veglianza. L’idea in effetti non sarebbe male. Ma facciamo un breve ragionamento. Immaginiamo che l’amministrazione comunale decida di istituire un sistema di videosorveglianza: ciò significherà collocare videocamere lungo l’accesso della “Doganale” (devastata da pneumatici e mattoni), nel Parco “VerdeAzzurro” e in quello adiacente l’edificio della ex – sta zione, lungo il Parco “Fratelli Cervi” (spesso oggetto di azioni di danneggiamento varie: danneggiamento del suolo, im brattamento dei giochi per bambini etc.), in prossimità dei fossi (spesso trasformati in “discariche”) e di tante aree verdi del paese ove capita di imbattersi in pericoli come residui di amianto etc. In pillole: garantire un controllo del genere in quasi tutto il Comune porterebbe sì ad un maggior rispetto del bene collettivo ma contemporaneamente obbligherebbe l’ammini strazione ad uno sforzo economico non indiffe rente. Se teniamo conto del sistema analogico, il più conveniente in am bito economico, l’acqui sto di una sola telecamera è calcolato in poco meno di 150 euro. Supponiamo quindi di comprare un numero di teleca mere adeguato per coprire l’intero Comune di Cori. Preciso: non sono completamente contrario alle telecamere, ma sono consapevole che in qualsiasi metro quadro di un paese può verificarsi un atto barbaro. Sareste d’accordo a vivere in un “grande fratello orwelliano” perenne? Il problema ri guarda l’intera penisola, e non solo una piccolissima parte di essa. Per sconfiggere il vandalismo è necessaria una cam pagna di contrasto seria, che parta da tutti i livelli istituzionali ed entri nei luoghi dell’infanzia e della cultura, che faccia comprendere il valore ed il rispetto dei luoghi. Insomma cer care di rendere fatti le parole di Peppino Impastato: «Se si insegnasse la bellezza alla gente, la si fornirebbe di un’arma contro la rassegnazione, la paura e l’omertà […]. È per que sto che bisognerebbe educare la gente alla bellezza: per ché in uomini e donne non si insinui più l’abitudine e la rassegnazione ma rimangano sempre vivi la curiosità e lo stupore».

(Visited 38 times, 1 visits today)

Articoli correlati

Condividi

Autore dell'articolo

redazione